nusratfatehalikhan.jpg

Parlando di una qualunque terapia psicofisica non si possono sottovalutare i benefici della voce cantata. Niente ha un simile impatto. Indipendentemente dai suoni eccezionali che agiscono potentemente sulle potenzialità di chi li emette, il canto favorisce l’instaurarsi di uno stato di equilibrio e di serenità. Contribuisce all’acquisizione della verticalità, alla cristallizzazione dell’immagine del corpo emittente e al potenziamento della ventilazione respiratoria, dunque ad una migliore ossigenazione. Provoca soprattutto un aumento dell’effetto dinamogenico dell’orecchio interno, che acquisisce così la sua postura d’ascolto. Infine partecipa alla messa in vibrazione della scatola cranica, agendo di conseguenza sull’ipofisi e, attraverso questa, su tutto l’insieme delle ghiandole endocrine.

La Dimensione dello Spazio
La Qualità dello Spazio 
La Specialità dello Spazio

Popol Vuh – Hosianna Mantra 1973
Robert Wyatt – Rock Bottom 1974
Van Morrison – Common one 1980
Jan Garbarek – All those born with wings 1987
Keith Jarrett-Dark intervals 1988
Joni Mitchell – Night Ride Home 1991
Passengers – Original soundtracks 1 1995