energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

L’amministratore di condominio risponde – 4: l’uso del barbecue sul balcone Opinion leader

Firenze – L’installazione di barbecue in muratura sul balcone è consentita purché siano rispettate le distanze previste dai regolamenti locali e in mancanza di questi le distanze minime a preservare i fondi vicini; questo secondo l’art. 890 c.c., Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi.

Ma non solo, prima di installare un barbecue su un balcone deve essere valutato l’impatto che avrà sul decoro dell’immobile oltre che valutarne le condizioni in materia di stabilità e sicurezza del balcone, come prevede l’art. 1122 c.c. che impedisce al condomino di eseguire, nella propria unità immobiliare, opere che rechino danno alle parti comuni o determinino un pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico dell’edificio.

Infine devono essere verificate eventuali limitazioni previste nel regolamento condominiale, se di natura contrattuale (ovvero accettato da tutti i condomini nei rispettivi rogiti). In caso di regolamento assembleare ritengo “utile” discutere l’installazione in assemblea di condominio tenendo conto delle limitazioni previste per normativa.

Ma come viene regolamentata l’emissione di fumi sull’abitazione del vicino? Per questo aspetto si fa riferimento all’art. 844, comma 1 c.c., il quale stabilisce che l’emissione di fumi, compreso quindi quelli emessi da un barbecue, è consentita purché questi non superino il limite di normale tollerabilità.
Per quanto sopra ritengo che per installare un barbecue in muratura o anche portatile è necessario rispettare quanto previsto dalle norme di cui abbiamo parlato, ma ritengo opportuno fare appello al buon senso da parte di tutti. In particolare è consigliato farne un uso responsabile, sporadico anche nei casi in cui sono rispettate tutte le norme di cui abbiamo parlato; e perché non fare attenzione ai panni del vicino?

Quindi, anche se con la bella stagione può venire la voglia di “una grigliata con gli amici”, dobbiamo fare attenzione a rispettare gli altri; in caso contrario è facile che si sfoci in liti con i vicini che possono portare fino a davanti ad un giudice. Il giudice, se le immissioni sono insopportabili e frequenti, può condannare il condomino proprietario del barbecue all’adozione di misure idonee ad evitare immissioni sul fondo del vicino e in alcuni casi anche al ristoro dei pregiudizi non patrimoniali subiti dal danneggiato.

Ne vale la pena?

Andrea Stigliano

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »